Focus On

Gli approfondimenti di piattaforma infanzia

Approfondimenti di informazione e cultura per l'infanzia e l'adolescenza del mese di marzo 2017

Abbandono scolastico e formazione: una sfida europea tutta da vincere

L’abbandono scolastico rappresenta una piaga sociale che continua a influenzare centinaia di migliaia di minori in tutta Europa. Nonostante gli sforzi profusi a livello continentale, più di 1 minore su 10 non è oggi in grado di terminare con successo la scuola secondaria superiore. Un risultato negativo che si ripercuote in maniera diretta sulla capacità di questi ragazzi di realizzarsi nella vita adulta. E che finisce per allargare un divario già esistente legato a fattori socio-economici ed etnici. Allo stesso tempo, rappresenta un freno rilevante allo sviluppo di ogni Paese. L’Europa riconosce la rilevanza di questo fenomeno, ma rimane ancora lontana dagli obiettivi di contrasto che essa stessa si è prefissata. Obiettivi che, se non raggiunti, rischiano di avere costi sociali ed economici altissimi (di Pierpaolo Capalbo)

Articoli

  • 1. Un’Europa di contraddizioni: ogni anno 4 milioni di ragazzi senza adeguata istruzione

    “Dobbiamo contribuire a costruire un’Europa dove tutti i giovani possano beneficiare di un ambiente favorevole alla crescita. Ciò comporta l’accesso ad un’istruzione di alta qualità. Un’istruzione che arricchisca i ragazzi con capacità accademiche e di socializzazione che gli permettano di trovare lavoro e diventare cittadini consapevoli[1]”  Tibor Navracsics – Unione Europea, Commissario per l’istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport L’abbandono scolastico precoce[2] e l’accesso ad un’istruzione di qualità sono

  • 2. Abbandono scolastico, dispersione, drop-out, NEET: problema anche di definizione?

    L’abbandono scolastico precoce (da qui a seguire “abbandono scolastico”) rappresenta da sempre un fattore di rischio nello svolgimento dell’esperienza formativa ed è senza dubbio uno dei temi maggiormente dibattuti a livello politico e istituzionale a livello mondiale. Nonostante ciò, non c’è un consenso, universalmente riconosciuto, sulla definizione di abbandono scolastico né tantomeno sulle metodologie di raccolta, monitoraggio e analisi dei dati. Spesso i termini “abbandono scolastico”, “dispersione scolastica”, NEET o

  • 3. Abbandono, partecipazione educativa e investimenti in Istruzione: numeri a confronto

    L’abbandono scolastico in età minorile è un problema complesso direttamente legato ad una molteplicità di fattori di natura socio-economica, personale e familiare, spesso interconnessi tra loro. Una serie di problematiche che presuppone un approccio onnicomprensivo a livello istituzionale, tanto nazionale quanto a livello dell’Unione Europea. Non a caso, quest’ultima ha posto l’abbandono scolastico e la lotta alle cause che lo determinano come punto centrale della sua azione politica. L’istruzione rappresenta

  • 4. La situazione italiana. I numeri dell’abbandono scolastico: un Paese a due velocità

    Come altri Paesi del Sud d’Europa, l’Italia presenta disparità evidenti sul territorio nazionale per quanto concerne l’abbandono scolastico prematuro. Ad una più dettagliata valutazione dei dati, sorprende come la povertà educazionale rimanga fondamentalmente un problema del Sud d’Italia e delle Isole (Tavola 1). Non solo queste presentano i valori più alti in assoluto, ma nel corso degli anni il divario con le aree più sviluppate del Paese è andato aumentando

  • 5. Strumenti legislativi internazionali ed europei. L’abbandono scolastico e il suo ruolo nelle politiche educative regionali

    Il diritto all’istruzione è riconosciuto quale diritto fondamentale dei minori all’interno dell’Unione Europea sulla scorta di ciò che è stato stabilito nel secolo scorso nei principali Trattati e Convenzioni internazionali che riguardano generalmente, la difesa dei diritti umani e, nello specifico, appunto, la difesa dei diritti dei minori. Di seguito tratteremo i principali strumenti e documenti a livello internazionale e regionale. Il primo strumento legislativo che rende l’istruzione un diritto

  • 6. Best practice italo-americana: l’esperienza di Mentoring Usa-Italia

    L’abbandono scolastico rimane un fenomeno particolarmente sentito in Italia. La costante diminuzione degli investimenti pubblici nella scuola e la difformità d’interventi, a livello regionale e locale, non ha permesso all’Italia negli ultimi anni di recuperare il gap che la divideva dal resto d’Europa. L’Italia è rimasta indietro, nonostante il miglioramento complessivo di alcuni parametri, specialmente per ciò che riguarda alcune aree del Paese come il Sud e le Isole. Oggi,

  • 7. Appendice

    Qui di seguito, in allegato, una selezione dei principali strumenti legislativi a livello europeo ed internazionale, suddivisi in Trattati, Regolamenti, direttive, Decisioni, Trattati Internazionali sul Diritto Umanitario e Strumenti Regionali sul Diritto Umanitario, in relazione a ONU, Unione Europea, Consiglio d’Europa.

  • 8. Bibliografia

    Per la redazione del presente Focus On sono state consultate, oltre ai documenti esposti in Appendice, anche numerose pubblicazioni (studi, ricerche, analisi e trattati sulle politiche internazionali), nonché risorse web (portali, siti e blog). Selezione delle fonti consultate Barnardos. (2009). Written out, written off. Dublin: Barnardos. Bennet, Early childhood education and care (ECEC) for children from disadvantaged backgrounds: Findings from a European literature review and two case studies, 2012 Education and

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
OK