Rassegna stampa

1975, il rapimento di un bimbo di cinque anni sconvolge Torino

Fonti:

E’ il 22 gennaio 1975: Pietro Garis, cinque anni e mezzo e due fratelli poco più grandi, come tutte le mattine sta uscendo dalla palazzina precollinare di corso Giovanni Lanza 60 per andare all’asilo. Mentre sta salendo sul pulmino viene strappato ai suoi accompagnatori, gettato in un’auto, portato lontano. Chissà dove. La Stampa del giorno dopo: «Pietro scompare dibattendosi tra i suoi rapitori, che lo trascinano giù per la scalinata che da corso Giovanni Lanza porta in via Bezzecca. La madre si mette ad urlare: è sulla porta di casa, l’aggressione al suo bambino l’ha sorpresa mentre sta annodando una sciarpa attorno al collo della figlia Margherita. E urla anche l’autista che dallo scuolabus ha assistito alla terribile scena».

Il nostro quotidiano, due giorni dopo: «I banditi tacciono, l’angoscia aumenta. La polizia nega che ci siano trattative in corso per il rilascio. Madre e padre non si staccano un attimo dal telefono: attendono un ordine dagli sconosciuti che trattengono il piccolo Pietro». Intanto la famiglia cercava di mettere insieme il denaro che poteva essere richiesto da un momento all’altro per liberare un bimbo che in casa tutti trattavano con particolare dolcezza perché timido e delicato di salute, con ricorrenti crisi di asma ed alcune allergie alimentari.

Continua…

Indietro
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
OK