Rassegna stampa

Alex e i bambini figli del mare I piccoli nati durante le traversate

Fonti:

Mi sono sempre chiesto perché la Natura (che a quanto ci insegnano le fa tutte giuste) rende sempre incerti e ambigui quelli che pensiamo essere i nostri primi ricordi, i quali mai e poi mai, in qualunque caso, possono spingersi fino al momento in cui volenti o nolenti è toccato a noi, e siamo venuti al mondo. Forse sarebbe interessante ricordare il primo sguardo, ancora appannato di sangue e placenta.

Più probabilmente questa ignoranza è il risultato di una provvida economia delle conoscenze e delle energie. E così, per quello che fino a prova contraria è l’evento più importante delle nostre esistenze siamo destinati ad affidarci a testimonianze indirette. Una cosa mi sembra sicura: il momento e le condizioni in cui veniamo al mondo esercitano su di noi un’influenza destinata a esaurirsi solo con l’ultimo respiro.

Continua…

Indietro