Rassegna stampa

Alfie, bocciato il ricorso dei genitori: il bimbo non andrà al Bambino Gesù

Fonti:

Un altro no per i genitori del piccolo Alfie Evans, il cui destino a questo punto sembra segnato. I giudici della Corte d’Appello hanno respinto la richiesta dei genitori del bambino di 23 mesi, vivo grazie alle macchine, di modificare la precedente decisione del tribunale. Lo riferisce la Bbc online. Tom Evans, 21 anni, e Kate James, 20 anni, avevano chiesto ai giudici della Corte d’Appello di concedere ad Alfie il permesso di lasciare l’Alder Hey Children’s Hospital di Liverpool e andare all’estero, per ricevere una terapia palliativa presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma. La coppia di Liverpool, aveva già perso le sue battaglie per non staccare i supporti vitali del bimbo, presso l’Alta corte, la Corte d’appello, la Corte suprema e la Corte europea dei diritti dell’uomo. I giudici d’appello britannici che oggi hanno respinto il ricorso del papà e della mamma del piccolo Alfie Evans contro la decisione di staccare la spina hanno tuttavia ordinato che il bambino continui a ricevere cure e l’assistenza vitale delle macchine fino a una nuova azione di fronte alla Corte Suprema del Regno già annunciata dai genitori. Il nuovo ricorso riguarda nello specifico la richiesta della famiglia di trasferire Alfie al Bambino Gesù di Roma, che si è già dichiarato disposto a continuare ad assisterlo.

La fiaccolata Alcune associazioni pro-vita hanno organizzato questa sera a Torino una fiaccolata, ‘Liberate Alfie Evans’, in sostegno dei genitori del piccolo bambino inglese Alfie Evans, 21 mesi, ricoverato a Liverpool per una malattia neurologica degenerativa molto invalidante non del tutto identificata. L’Alta Corte di Londra ha autorizzato a staccare la spina che tiene in vita il bimbo contro la volontà dei genitori, che vorrebbero trasferirlo al Bambin Gesù di Roma.

Continua…

Indietro