Rassegna stampa

Android, oltre 3mila app tracciano i bambini registrando i loro dati

Fonti:

Uno studio inchioda un grande numero di applicazioni per Android esplicitamente dedicate al pubblico dei bambini e delle famiglie. L’indagine, pubblicata sulla rivista specializzata Proceedings on Privacy Enhancing Technologies, ha scoperto con uno strumento automatico che ben 3.337 programmi disponibili su Google Play Store raccoglierebbero impropriamente dati e informazioni dei piccoli utenti, violando potenzialmente le prescrizioni del Children’s Online Privacy Protection Act statunitense, la legge approvata vent’anni fa dal Congresso americano che, di fatto, ha imposto a tutti i mercati in cui certe applicazioni sono distribuite la famosa soglia dei 13 anni per l’accesso ai propri servizi. O ha imposto, a chi voglia aprire certe piattaforme al pubblico degli under 12, una serie di vincoli come la breve memorizzazione delle informazioni di traffico e l’autorizzazione dei genitori. Che, appunto, non sempre vengono rispettati o richiesti.

Secondo la ricerca, solo un piccolo gruppo delle applicazioni analizzate violano in modo palese le regole. La gran parte mette però in campo atteggiamenti e scelte di tracciamento e raccolta piuttosto scivolosi. Nel complesso, di app sotto la lente ne sono state messe 5.855. Di queste, 281 raccolgono contatti e geolocalizzazione dei ragazzi senza chiedere il permesso ai genitori. Altre 1.100, tuttavia, condividono informazioni sui baby utenti con terze parti per obiettivi non ben definiti (vedi alla voce pubblicità). Come se non bastasse, un buon 40% delle app trasmettono queste informazioni senza utilizzare “ragionevoli misure di sicurezza” e quasi tutte (92%) fra le 1.280 che usano l’accesso tramite Facebook non sfruttano le (scarse, a dirla tutta, si parla del flag limitativo) funzionalità per bloccare l’iscrizione di under 13.

Continua…

Indietro