Rassegna stampa

Commissioni mensa aperte ai bambini

Fonti:

«Anche i bambini, con il coordinamento degli insegnanti, entreranno a far parte delle commissioni mensa. Il loro ruolo sarà importante e valorizzato, come già avviene in altre città». A dirlo, ieri, al Circolo della Stampa, è stata l’assessora all’Istruzione del Comune Federica Patti in occasione della presentazione del rapporto di Save the Children «(Non) Tutti a mensa 2016», appuntamento del ciclo «Polis, istruzioni per l’uso» che ha richiamato dirigenti scolastici e genitori in maggioranza pro pasto domestico. La partecipazione dei bambini alla valutazione dei pasti veicolati dalle ditte, sarà il coerente proseguimento del progetto di educazione alimentare «Il menù l’ho fatto io» avviato negli anni passati.

Sollecitata dalle riflessioni di Antonella Inverno di Save the Children e dalle sempre vivaci rimostranze dei genitori sulla qualità, l’assessora ha spiegato che «le commissioni mensa, regolate da norme comunali, vanno riviste e infatti le stiamo rivedendo all’insegna della trasparenza: su 36 mila pasti giornalieri consumati nelle scuole dell’obbligo, non è logico che la “restituzione” complessiva da parte delle commissioni sia di appena mille-millecinquecento questionari compilati in un anno. Troppo poco. Alcune commissioni funzionano bene, altre no». L’idea dell’assessora Patti è di coinvolgere e sensibilizzare, utilizzando linee guida rinnovate che possano andare incontro alla richiesta di ascolto delle famiglie. Nel frattempo, ha ribadito ai genitori presenti, «stiamo lavorando sulla qualità e sulle tariffe. L’obiettivo è senza dubbio di ridurre la spesa delle famiglie, l’incertezza resta sui tempi». Carola Messina del Coordinamento Genitori ha sottolineato come la scelta di altre città sia stata di far ricadere una maggior quota di costi sulla fiscalità generale. Il rapporto di Save the Children ha evidenziato che Torino è al 6° posto in Italia per spesa a carico delle famiglie, al 5° per costo della tariffa massima, al 3° per spesa con Isee 25 mila euro.

Continua…

Indietro