Rassegna stampa

Dallas, bimbo iperattivo di 7 anni ha una crisi a scuola: la polizia lo ammanetta e lo porta via

Fonti:

Finisce in manette a soli 7 anni un bambino iperattivo che in un momento di agitazione, in classe, ha iniziato a sbattere la testa contro il muro. Con la forza e senza che venisse avvisata la famiglia, raccontano i media statunitensi, il bambino è stato trasportato in un centro di salute mentale e trattenuto lì, sedato per 7 giorni. La notizia sta facendo il giro del mondo e a finire nel mirino è proprio l’istituto scolastico nel distretto di Dallas frequentato Yosio Lopez, il bambino che necessita di un insegnante di sostegno. L’accusa che muovono diversi genitori, in primis la famiglia dello studente, è di aver utilizzato la forza per calmare il piccolo. Il ragazzo ha raccontato alla mamma, April Odis, che è stato messo con le braccia dietro la schiena addosso alla scrivania mentre il responsabile della scuola gli avrebbe messo il braccio intorno al collo per frenarlo: “Il bambino si è sentito soffocare”. Ha aggiunto l’avvocato della famiglia.

L’avvocato della famiglia Lopez, David Ramirez  ha raccontato che Yosio è stato ammanettato dalla polizia di Dallas Independent School District (DISD) mentre era in uno stato di agitazione: “Yosio soffre di disturbi da deficit di attenzione – ha detto Ramirez –  iperattività e un altro disturbo dell’umore.  Già in passato Yosio ha avuto attacchi simili ma con lui c’era sempre un assistente scolastico pronto a calmarlo. Martedì scorso però, circa una settimana fa, l’assistente non c’era e Yosio probabilmente non si è sentito “al sicuro”. Dopo l’incidente a scuola, la polizia di Dallas avrebbe trasportato Yosio in una struttura di salute mentale senza permesso di sua madre e lo avrebbe trattenuto nel centro per quasi una settimana: “Sua madre non era in grado di visitarlo per i primi due giorni” ha specificato il legale Ramirez.

Continua…

Indietro

In evidenza

Mediateca Correlata

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
OK