Rassegna stampa

Depressione. Negli adolescenti è “segnalata” da ansia e irritabilità

Fonti:

Negli adolescenti ad alto rischio sintomi ansiogeni e irritabilità possono precedere la depressione. Questo accade quando i genitori hanno una storia clinica di depressione; i ragazzi sono a maggior rischio di sviluppare essi stessi la malattia e i segnali di malessere (ansia, paura, sbalzi di umore) possono precedere un primo episodio depressivo. A dirlo un recente studio inglese che dimostrerebbe come altri segni quali la malinconia e i comportamenti distruttivi non sarebbero invece collegati alla depressione maggiore anche quando esiste un rischio familiare.

 “I risultati della nostra ricerca confermano che i fattori di rischio per gli adolescenti rispetto alla depressione sono piuttosto simili a quelli della popolazione generale: la povertà, gli eventi stressanti, il grado di parentela con adulti depressi – spiega l’autrice dello studio, Frances Rice dell’Università di Cardiff nel Galles – Tutti i genitori quindi possono tenere sotto controllo i cambiamenti emotivi del bambino quando viene a contatto con la quotidianità, per esempio se va d’accordo con i compagni, se studia, se ha una buona relazione con i genitori e i fratelli”.

Ogni anno più di un adolescente su 10 vive l’esperienza di un episodio depressivo maggiore e il fattore di rischio più frequente è avere un padre o una madre con storia di depressione, annotano i ricercatori su JAMA Psychiatry. In questo studio sono stati esaminati i dati di 337 famiglie nelle quali almeno un genitore ha sofferto di almeno due precedenti episodi di depressione maggiore e un figlio biologico tra i 9 e i 17 anni viveva in casa. Nel complesso lo studio ha osservato 315 madri e 22 padri con storia di depressione oltre a 197 ragazze e 140 ragazzi che all’inizio dell’indagine avevano in media 12 anni.

Continua…

Indietro