Rassegna stampa

Il 40 % dei ragazzi guida al cellulare: “Incidenti ormai piaga sociale”

Fonti:

Emerge da un nuovo studio commissionato dalla Regione – «Conoscenza dei rischi da uso improprio in strada di cellulari, smartphone e loro applicazioni» – con esiti da brivido. Il campione è quello di 2.653 studenti delle classi quarta e quinta degli istituti secondari superiori, professionali e licei: il 40% usa il cellulare mentre guida l’auto, il 50% quando va in bicicletta e il 10% in scooter. In particolare, fa sapere la ricerca, il 65% degli intervistati ammette di passare al cellulare dalle due alle otto ore; il 43% dice di rispondere alle chiamate e curiosità: il 75% ritiene «abbastanza e molto utili le attività di educazione stradale a scuola». Insegnamenti che nella pratica parrebbero non attecchire abbastanza, anche se il 58% ritiene pericoloso stare al telefono quando «si attraversa la strada (e di questi il 66% sa che in moto e assai rischioso).

Un quadro preoccupante che certamente non può andare a migliorare un altro quadro, «drammatico», come quello degli incidenti stradali. I numeri anche in questo caso fanno paura. «Nel 2016 in Lombardia – spiega l’assessore regionale alla Sicurezza Simona Bordonali – si sono verificati 32.785 incidenti che hanno portato a 45.435 feriti e 434 morti». Detto in sintesi: «Una vera e propria piaga sociale». E sarebbe interessante, se si potesse farlo, riuscire a capire quanti nel momento dello schianto usavano il telefonino. Ciò detto la Regione, che «negli ultimi tre anni ha stanziato 15 milioni di euro per la sicurezza stradale» e che pensa a una giornata da dedicare a chi si occupa dei soccorsi, continua a ribadire il seguente messaggio: «L’utilizzo di uno smartphone alla guida, l’eccessiva velocità oppure le disattenzioni possono costare la vita».

Continua…

Indietro

Mediateca Correlata

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
OK