Rassegna stampa

Il padre pubblica su Facebook le foto del figlio pestato dai bulli

Fonti:

Sta per toccare quota 200mila condivisioni (al momento, 197.546) il post, divenuto ormai virale sul web, del tredicenne dal volto tumefatto, picchiato a calci e pugni da un branco di suoi coetanei l’altro ieri a Mugnano (Napoli). La foto, pubblicata dai genitori come atto d’accusa e di sensibilizzazione contro il bullismo, continua a suscitare commenti di affetto e di solidarietà.  I carabinieri hanno identificato tutti i cinque componenti del branco che venerdì pomeriggio ha circondato e aggredito il tredicenne, che era in compagnia di un amichetto. Gli aggressori hanno tutti meno di 14 anni, quindi non sono imputabili. Saranno ascoltati dagli investigatori in presenza dei loro genitori.
La piccola vittima intanto sta meglio e si prepara a partire con i compagni di classe – frequenta, con ottimi risultati, la terza media – per una gita scolastica in Sicilia.

Un 13enne è stato schiaffeggiato e preso a pugni da tre suoi coetanei. Il padre ha prima denunciato l’accaduto ai carabinieri e poi ha pubblicato la foto choc del ragazzino con il volto contuso su Fb, lanciando un appello a denunciare ogni atto di bullismo. Un post che in poche ore ha avuto decine di migliaia di condivisioni, con tantissimi commenti di genitori e ragazzi che hanno espresso solidarietà al 13enne e alla sua famiglia.

Il fatto è accaduto, nel pomeriggio di venerdì, in via Cesare Pavese a Mugnano, un comune alle porte di Napoli. Il ragazzo stava rientrando a casa, in compagnia di un suo amichetto. Lungo la strada ha incontrato cinque ragazzini. In tre lo hanno sbeffeggiato e aggredito, colpendolo con schiaffi e pugni. L’amico del 13enne è rimasto sotto choc. Il ragazzo, tornato a casa, ha riferito l’accaduto ai genitori che non hanno perso tempo e si sono presentati dai carabinieri per segnalare la vicenda. Le ferite riportate, per fortuna, guariranno in pochi giorni ma servirà molto più tempo alla vittima per dimenticare l’accaduto.

Continua…

Indietro

Mediateca Correlata

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
OK