Rassegna stampa

L’Onu libera 311 bambini soldati in Sud Sudan. Tra loro anche 87 bimbe che hanno subito violenze

Fonti:

L’Onu è riuscita a liberare 311 bambini soldato, tra cui 87 bambine, nel sud del Paese devastato dalla guerra civile che infuria dal dicembre 2013. Si tratta della prima fase di un programma che ha l’obiettivo di smobilitare 700 bambini soldato nella regione di Yambio. Tra questi 563 combattono con le forze dell’ex presidente Salva Kiir e 137 in quelle dell’ex vicepresidente Riek Machar. «I bambini non dovrebbero portare fucili e uccidersi tra loro, ma dovrebbero giocare e divertirsi con gli amici, protetti e accuditi dagli adulti attorno a loro» ha dichiarato il capo della missione Minuss , David Shearer.

La bambine liberate, secondo quanto riferito dallo stesso Shearer, hanno probabilmente subito anche violenze sessuali e per questo il capo della missione ha chiesto che «ricevano sostegno» per poter «tornare alle loro comunità senza essere stigmatizzate». La missione, che ha visto la collaborazione di Unicef, capi religiosi e autorità locali per negoziare la liberazione degli oltre trecento bimbi soldati, ora si focalizzerà sulla loro formazione, sul sostegno economico e psicologico adeguato.

Continua…

Indietro
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
OK