Rassegna stampa

Minori, con ‘Mamme a bordo’ l’IdO lavora sulla relazione madre-bambino

Fonti:

“Mamme a bordo” è il progetto terapeutico dell’Istituto di Ortofonologia di Roma (IdO) nato per lavorare sulla dinamica relazionale madre-bambino e facilitare, attraverso la condivisione ludica, la sintonizzazione affettiva. La specificità della terapia diadica dell’IdO, a differenza di quella offerta in Israele e in Inghilterra, sta proprio nel ruolo attivo del terapeuta all’interno della terapia. Questo lavoro sarà presentato dalla psicoterapeuta Serena Polinari al XVII convegno nazionale dell’Istituto, dal 21 al 23 ottobre nella Capitale.

“La sintonizzazione affettiva significa riconoscere i bisogni reali del bambino per poi rispondere adeguatamente alle sue esigenze. Negli altri modelli di terapia diadica il terapeuta si pone come osservatore esterno e contenitore della dinamica relazionale madre-bambino- spiega la psicoterapeuta-, noi invece portiamo avanti la terapia del bambino in presenza della mamma lavorando su due livelli: sulle difficoltà del piccolo e aiutando la mamma, a partire dalle esperienze condivise nel setting, a vedere il bambino reale nelle sue risorse e nelle sue difficoltà per rispondere adeguatamente ai suoi bisogni”. ‘Mamme a bordo’ coinvolge i bambini fino a 3 anni di età, con disturbi del linguaggio, della relazione e della comunicazione. Lavorare sulle difficoltà del bambino con i genitori vuol dire “lavorare sulla risonanza emotiva che tali difficoltà hanno nel genitore – continua la psicoterapeuta dell’IdO – e che a volte gli impediscono di riconoscere e rispondere ‘adeguatamente’ ai bisogni del bambino”.

Continua…

Indietro