Rassegna stampa

Usa, il Kansas vota per il governatore: in corsa sei adolescenti. La legge lo permette

Fonti:

Teenager alla poltrona da governatore. Si vota a novembre, in Kansas, per la guida dello Stato. Alla fine di gennaio, il 61enne repubblicano Sam Brownback si è dimesso da governatore per assumere l’incarico di ambasciatore degli Stati Uniti per la libertà religiosa nel mondo. L’eredità è stata raccolta dal 57enne Jeff Colyer, che a novembre cercherà di conquistarsi il primo mandato pieno. Tra i suoi potenziali rivali, grazie alle norme che regolano le elezioni, sono spuntati anche 6 adolescenti. Il Kansas, infatti, con Vermont e Massachusetts, è uno dei 3 stati Usa che non fissano un limite di età minimo per le candidature. La nuova legge che impone un’età minima di 18 anni per presentare una candidatura infatti entrerà in vigore a gennaio 2019, dopo le prossime elezioni. Via libera, quindi, alla campagna dei ragazzini. Il primo a farsi avanti è stato Jack Bergeson: a 17 anni non può votare, ma può essere eletto.

«Posso essere troppo giovane per votare, ma non per vedere i problemi del Kansas che il governo dovrebbe risolvere e non sistema», scrive sul sito Jack Bergeson Governo 2018, tra rosso, blu e stelle. Il sito di un candidato vero, a prima vista. «Come studente, punto ad introdurre cambiamenti all’istruzione e in tema di infrastrutture attraverso un semplice progetto di riforma fiscale. Sono un cittadino del Kansas e uno studente prima ancora che un politico, questo mi ha spinto a candidarmi. Voglio cambiare le cose per le persone che, come me, desiderano il meglio per il Kansas», aggiunge. Il 17enne Tyler Ruzich si definisce «un repubblicano per la prossima generazione». È uno studente al terzo anno di un high school della Johnson County, è sempre stato coinvolto nello “student government”: «Sono seriamente preoccupato per il welfare del nostro stato e ho alcune idee per rendere il Kansas un posto migliore dove vivere, studiare e lavorare». E pazienza se, come tutti coloro che non hanno votato nelle elezioni del 2014, non potrà partecipare ai dibattiti organizzati dal partito.

Continua…

Indietro
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
OK