News

Abusi di minori: il peso sull’economia

I maltrattamenti e gli abusi sui bambini pesano notevolmente sul bilancio economico di uno Stato. A dirlo, sulla base di studi svoli, è il portavoce dell’Unicef Stephane Dujarric.

Studi sui costi economici dovuti alla cura e al recupero di bambini vittime di abusi e maltrattamenti, dimostrano che pesano notevolmente sull’economia di uno Stato. Ad esprimersi su questo, il portavoce dell’Unicef, Stephane Dujarric, il quale ha affermato che “l’impatto sociale ed economico del maltrattamento sui bambini include un onere aggiuntivo sui sistemi di assistenza sanitaria, sull’invalidità e un aumento dei livelli di violenza e di criminalità”. Ha aggiunto anche che è molto difficile per i bambini che subiscono violenze e abusi crescere in modo sano ed equilibrato e diventare poi membri produttivi della società. “Anche i loro paesi rischiano di perdere i potenziali benefici che questi bambini potrebbero altrimenti fornire alle proprie comunità” continua Stephane Dujarric, che commenta un nuovo studio sui costi economici, dal quale emerge che circa 209 miliardi di dollari all’anno, ovvero il 2% del prodotto interno lordo, viene speso a causa degli abusi e delle violenze sui minori nei paesi dell’Asia orientale e del Pacifico.

Questo ultimo rapporto è successivo ad altri studi svolti sul corso di recupero di bambini vittime di maltrattamenti e, quello che emerge, è che gli abusi sui minori sono stati stimati a circa 65,9 miliardi di dollari, quelli riferiti a violenze fisiche, a 39,6 miliardi di dollari, mentre per gli abusi sessuali si è stimata una spesa economica pari a 39,9 miliardi di dollari.

Ancora oggi, purtroppo, nonostante molti Stati nel mondo abbiano firmato la Convenzione sui diritti dei bambini, non c’è abbastanza impegno per garantire la giusta protezione e tutela dei minori da violenze, soprusi e maltrattamenti. “C’è ancora molto da fare per rispettare questi impegni, tra cui maggiori investimenti nei servizi sociali – ha detto il portavoce dell’UnicefNoi tutti sappiamo che la violenza contro i bambini deve essere fermata perché è moralmente sbagliata, inoltre, la nuova ricerca mostra che l’inazione contro la violenza genera gravi costi economici per i paesi e le comunità”.

Paola Longobardi

Indietro
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
OK