News

Pedofilia: Telefono Azzurro denuncia aumenti di adescamento on line

Sono stati resi noti oggi, alla Conferenza organizzata da Telefono Azzurro, i dati relativi all’adescamento online di minori vittime di pedofili. Numeri allarmanti che in soli due anni si sono triplicati.

Nella Giornata Nazionale per la lotta alla pedofilia e pedopornografia, l’associazione Telefono Azzurro illustra come siano triplicati, in soli due anni, i casi di adescamento on line. Si passa dal 4,4% al 14,2% dal 2012 al 2014. Non solo, mettendo insieme l’adescamento e la pedopornografia online, la percentuale sale al 22,2%. Dati allarmanti relativi alle segnalazioni arrivate al numero Emergenza Infanzia, 114, dell’associazione.

Le situazioni di emergenza gestite solo nel 2014, sono state complessivamente 2.402, di cui 113 casi di abuso sessuale (4,8%). La percentuale di adulti responsabili di abusi sessuali estranei al minore è quasi raddoppiata: dal 14,5% (2012) al 23,5% (2013) al 27,4% (2014). In linea quindi con l’elevato numero di casi di abusi sessuali perpetuati attraverso Internet”, ci comunica direttamente l’associazione.

Dati che confermano il primato tutto femminile per gli abusi, ovvero il 71,9%, mentre i minori di 11 anni vittime di pedofili, sono il 43,8%. Crescono anche le segnalazioni che riguardano vittime adolescenti: dal 16,7% del 2012 al 25% del 2014. Tra queste, non mancano i minori stranieri il cui 20% viene violato dalla perversione adulta.

I nostri dati – commenta il Professor Ernesto Caffo, presidente di Telefono Azzurroconfermano che è sempre più facile per gli adulti inserirsi nelle conversazioni tra minori: il pedofilo spesso è una persona lucida che sa usare i meccanismi di relazione per superare le barriere difensive dei ragazzi e dei bambini. Spesso i genitori non se ne rendono conto. Per fortuna i ragazzi tra di loro parlano e affrontano queste sfide in modo spesso adeguato”.

Allarmante anche la diffusione del fenomeno del sexting tra i giovanissimi, che consiste nell’invio di testi, immagini e video a sfondo sessuale via internet. Fenomeno che contribuisce alla diffusione di materiale pedopornografico da parte dei minorenni stessi che diventano allo stesso tempo sia vittime che autori di reato.

Insomma, la crescita di dati preoccupa e fa comprendere come non ci sia un adeguato sistema di contrasto al fenomeno. Proprio per questo, e in occasione della giornata nazionale, Telefono Azzurro lancia un appello al Parlamento e al Governo, affinché metta a disposizione risorse, personale esperto e mezzi, per una lotta più efficiente contro la pedofilia e la pedopornografia.

Paola Longobardi

Indietro
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
OK